RIFLESSIONI

di Girolamo Foti 

(Presidente del Movimento Libera Rappresentanza)

Già dall'ultimo scorcio del precedente anno il Movimento "Libera Rappresentanza" - aveva portato a compimento una lunga riflessione in merito alla propria partecipazione alla competizione elettorale per il nuovo Sindaco, per il rinnovo del Consiglio Comunale e dei Consigli delle otto Circoscrizioni. 

Decisione consolidata ufficialmente il 17 dicembre 2016, allorquando fu celebrato il III° Congresso, che stabiliva il nostro coinvolgimento nelle ormai prossime elezioni amministrative di Palermo, ribadendo quale scelta a candidato Sindaco Fabrizio Ferrandelli, pur nell'assoluto rispetto delle altre candidature, prima tra tutte quella del Prof. Leoluca Orlando che ha rappresentato, comunque la si pensi, un pezzo di storia della nostra città, nonostante abbia segnato trentasette anni del nostro passato amministrativo, la prima sindacatura infatti avvenne nelle lontane elezioni del 1985.

Pertanto il Movimento aveva selezionato oltre 26 candidature di servizio, marcando la vocazione a privilegiare i quartieri, scremando molte posizioni per avere solo candidature competitive, suffragate da oltre cento attivisti, settecento iscritti ed una compagine di una decina di professionisti che hanno formato i nostri candidati, oltre al programma per Palermo nonché l'esposizione della nostra storia e quanto realizzato da Libera Rappresentanza.

Ciò nonostante abbiamo cercato con immenso sacrificio di scomporre le residue resistenze ideologiche perché non più rispondenti alle istanze provenienti dalla base rappresentata, il che non vuol dire lasciare il campo aperto e libero alle scorribande del capitalismo selvaggio che esprime tutta la sua prepotenza attraverso il liberismo e la violenza testimoniata da una globalizzazione che ha posto quale baricentro la battaglia contro i diritti, l'annientamento del welfare e l'aggressione sistemica al lavoro.

Nel corso della nostra campagna elettorale abbiamo cercato di avere quale base di confronto, se non addirittura quale contrapposizione, le disuguaglianze e le uguaglianze, gli oppressori e gli oppressi, la ricchezza e la povertà.

Volendo fare una comparazione con vecchie e stantie appartenenze ideologiche non possiamo nascondere che nell'ambito della coalizione che ha fatto capo a Fabrizio Ferrandelli noi avevamo interpretretato il pensiero di ispirazione gramsciana, perché parlare oggi di diritti, tutele, lavoro, diviene dirompente, se non addirittura rivoluzionario.

Purtroppo in corsa ci siamo ritrovati come compagni di strada Gianfranco Miccichè e tantissimi altre figure del vecchio centro destra dell'epoca Cammarata, per noi era dura è piuttosto ardua vederci accostati alla sua figura e la figura di altri candidati, su cui non abbiamo nulla che vedere.

Con il sorriso tra le labra, salutando i pezzi migliori del nostro movimento, avevamo dato maggior risalto a quanto dichiarava Fabrizio Ferrandelli quando affermava ed afferma oggi che la sua è la candidatura dei palermitani, oltre a richiamare molti spunti del nostro programma politico, per cui tale insieme, se visto dentro uno spaccato squisitamente politico, non può non avere convergenze, e divergenze nel contempo, di qualsivoglia natura.

Volendo ad ogni costo vedere la pagliuzza nell'occhio altrui e non la trave nel proprio occhio, noi sommessamente vorremmo ricordare a tutti i moralisti delle grandi occasioni che la compagnia di Alfano, D'Alia e Cardinale, oltre moltissimi ex Cuffariani paladini del SI al referendum contro la Costituzioni dei nostri padri, non si ispira alla dottrina marxista, come la presenza del PD nulla ha da dividere con la tradizione storica che fu dei soggetti politici da cui discende, dato che tale il luogo politico di riferimento deve essere suffragato da scelte ben precise in ambito economico.

Da ciò potremmo, seppure con una certa reticenza, dire che il triennio renziano non si è particolarmente distinto per scelte diciamo a favore delle classi meno abbienti, vogliamo perciò ricordare: l'abolizione dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, lo scioglimento del Corpo Forestale, il jobs act con cui è stato ulteriormente precarizzato il mercato del lavoro, i vouchers emessi a milioni per un nuovo caporalato, la buona scuola con cui si è materializzato l'accanimento terapeutico verso gli insegnanti, il salvataggio di determinate banche, la distruzione di ogni rapporto con le organizzazioni sindacali, la prosecuzione del blocco dei contratti facendo stagnare stipendi salari e pensioni, il riordino delle carriere per il personale delle Forze Armate e delle Forze dell'ordine a favore della classe dirigenza, l'assenza di risposte concrete per il passaggio in servizio permanente dei nostri Volontari in ferma prolungata, "professionisti addestrati che rischiano di rimanere in mezzo alla strada" l'avversione verso certa stampa, e la lista potrebbe continuare ed essere particolarmente lunga, scelte che può compiere solo un governo conservatore, quasi prossimo ai momenti che hanno funestato la storia della prima metà del '900 e tristemente noti agli italiani.

Pertanto il "Movimento Libera Rappresentanza - in tempi non sospetti aveva rivendicato e rivendica attualmente con forza una collocazione politica indipendente e ben distinta, sia all'interno della coalizione che fa capo il nostro amico Fabrizio Ferrandelli  compiendo scelte che lo ascrivono di fatto al servizio del popolo ed in esso degli ultimi, tanto che, superati gli steccati ideologici classici, ci siamo messi fedelmenti a sostegno della sua candidatura a sindaco, ma sopratutto avendo noi schiena dritta abbiamo rifiutato le avance di coloro che nel corso della campagna elettorale ci volevano spostare l'asse verso Leoluca Orlando, rifiutando categoricamente questa ipotesi.

Purtroppo abbiamo commesso tantissimi errori per inesperienza, abbiamo perso la nostra partita i nostri candidati hanno ottenuto in totale 1.568 voti, il nostro candidato sindaco ha perso con onore, adesso accettiamo con serenità la sconfitta senza cercare inutili pretesti, ci auguriamo che Orlando e tutti i candidati eletti mantenghino l'impegno verso i propri cittadini di migliorare la nostra città.

Ci rimane il rammarico di poter mettere in pratica i nostri progetti legati al recupero del territorio, al lavoro per i giovani, avevamo scritto con il cuore il nostro programma per Palermo.

Invitiamo il nostro caro leader ed amico Fabrizio Ferrandelli a riflettere serenamente sul futuro della nostra Sicilia, riteniamo peraltro interessante l'eventuale candidatura del dr. Pietro Grasso che potrebbe avviare il tanto atteso rinnovamento morale,culturale ed economico della nostra Sicilia.

Mettendo definitivamente in soffitta gli ultimi presidenti che hanno mal governato la Sicilia "Cuffaro, Lombardo e Crocetta".

                                                                                                                      Girolamo Foti

 

Attenzione alla nuova riforma elettorale del consiglio comunale e dei consigli di circoscrizione,consentono all'elettore di esprimere due preferenze, purchè riguardanti i candidati di sesso diverso, all'interno della stessa lista.

Pertanto al Consiglio comunale, invitiamo i nostri sostenitori a segnare con una X il logo dei Coraggiosi, di scrivere nella prima riga il cognome  FOTI   nella seconda riga scrivere ARONICA

Il presente blog non autorizza la stampa delle nostre immagini ed informazioni scritte, senza autorizzazione preventiva ad opera dell'associazione il movimento libera rappresentanza.

Amministratore del sito il signor Francesco Damasco

Per informazioni visita il nostro blog

www.liberarappresentanza.it 

Contatti

Girolamo Foti
.

Blog

  • 29.06.2016 22:09

    Registrati nella mia pagina pubblica di facebook

    Ho raggiunto il limite di amicizie su questo profilo, invito tutti gli amici a cliccare e promuovere la mia pagina pubblica per consentirmi di continuare la mia azione mediatica in difesa degli "ultimi" ecco la pagina -https://www.facebook.com/fotigir/?fref=ts 

Tutti gli articoli

Oggetti: 1 - 1 di 1

© 2014 Tutti i diritti riservati, dell'Associazione Libera Rappresentanza vietata ogni riproduzione non autorizzata.

Crea un sito web gratisWebnode